Trieste, 13 Maggio 2021

Occasione gettata al vento: domenica ci sarà la Virtus Verona

02 Maggio 2021 Autore: Roberto Urizio

Quando gli altri apparecchiano la tavola, bisognerebbe almeno ringraziare. La Triestina invece non sfrutta il regalo confezionato dal Perugia (promosso in B) e non va oltre il pareggio con il Mantova. Risultato che non serve a niente per l’Unione, che paga un approccio alla gara terrificante, si piazza sesta e domenica dovrà partire dal primo turno dei play-off, in casa contro la Virtus Vecomp.

Come previsto, Pillon preserva i diffidati Giorico e Gomez (dentro Maracchi e Mensah) ma all’ultimo minuto deve fare a meno anche di Litteri, sostituito da Granoche. Dovrebbe essere una partita da aggredire con il coltello tra i denti ma i primi minuti della Triestina sono imbarazzanti a livello di concentrazione. Offredi sventa una punizione di Gerbaudo, dall’altra parte ci provano Rapisarda e Maracchi ma dopo 8’ il Mantova passa con Cheddira che sfrutta il pessimo avvio di Ligi (soprattutto) e di Lambrughi e segna con un preciso diagonale mancino. Poco dopo ancora Cheddira fugge in contropiede e serve Ganz che però calcia alto. Gerbaudo impegna ancora Offredi, l’Unione ci prova con Granoche di testa e con Rizzo da fuori ma Tosi è pronto, quindi Cheddira parte in velocità ma calcia centralmente e Ganz viene fermato dal portiere alabardato.

Dopo l’intervallo c’è Tartaglia per Maracchi per una Triestina con il 3-4-1-2. Un destro di Rizzo, a lato di poco, è il primo squillo della ripresa ma non un segnale di riscossa perché la squadra alabardata tiene tanto la palla ma conclude poco e male. Anzi, al 23’ sono gli ospiti a sfiorare il raddoppio con Ganz che arriva in leggero ritardo sul pallone di Di Molfetta. Pillon non vuole rischiare né Giorico né Gomez (che entrerà solo nei minuti finali) e prova a ribaltarla con Brivio e il rientrante Paulinho per Lambrughi e Calvano. Il pari arriva su un corner che trova Tartaglia appostato sul secondo palo per il colpo di testa vincente. I padroni di casa devono vincere e ci provano con Rizzo il cui destro rasoterra è messo in corner da Tosi, poi Brivio di testa sfiora il palo. Al 90’ ancora Rizzo con il destro ma il duello con Tosi è vinto ancora dal portiere ospite. L’1-1 serve al Mantova, non alla Triestina che butta via un’occasione: non il modo migliore per approcciarsi ai play-off.

 

TRIESTINA – MANTOVA 1-1

(primo tempo 0-1)

GOL: 8’ pt Cheddira, 31’ st Tartaglia

TRIESTINA: Offredi 6, Rapisarda 6 (37’ st Struna s.v.), Ligi 4.5, Lambrughi 5 (28’ st Brivio 6), Lopez 6, Rizzo 6, Calvano 5.5 (28’ st Paulinho 6), Maracchi 5.5 (1’ st Tartaglia 6.5), Sarno 6, Granoche 6, Mensah 5 (37’ st Gomez s.v.).  (A disp. De Luca, Valentini, Giorico, Palmucci, Litteri). All. Pillon

MANTOVA: Tosi 7, Bianchi 6, Checchi 6, Panizzi 6, Pinton 6, Zibert 5.5 (41’ st Saveljevs s.v.), Gerbaudo 6.5, Di Molfetta 6, Silvestro 5.5 (41’ st Mazza s.v.), Ganz 6.5 (32’ st Zigoni s.v.), Cheddira 7 (46’ st Moreo s.v.). (A disp. Tozzo, Palmiero, Esposito, Nappi, Sane). All. Troise

ARBITRO: Francesco Carrione di Castellammare di Stabia (assistenti Vincenzo Adriano Catucci di Pesaro e Amedeo Fine di Battipaglia, quarto ufficiale Sajmir Kumara di Verona)

NOTE: ammoniti Lambrughi, Rapisarda, Checchi, Tosi; calci d’angolo: 12-1; minuti di recupero: 0’ e 4

 


Condividi sui tuoi social