Trieste, 07 Agosto 2022

Test con l'Adriese: 4-3 il risultato, Unione ancora cantiere

05 Agosto 2022 Autore: Luca Henke

Continua la striscia di test non ufficiali (o allenamenti congiunti) per la Triestina, che è ritornata oggi pomeriggio sul campo di Pesek per affrontare l'Adriese, formazione che sta a sua volta preparando, nelle proprie intenzioni, un buon campionato di Serie D: 4-3 il risultato finale a favore dell’Unione. L'undici titolare di Bonatti comincia a prendere una forma precisa: l'allenatore ex Juventus ha scelto di partire con Mastrantonio tra i pali, Sarzi Puttini, Sottini, Sabbione e Ghislandi in difesa, Crimi e Pezzella interni di centrocampo affiancati da Furlan a destra e Felici a sinistra; Ganz e Adorante la coppia d’attacco.

Un po’ a sorpresa, è l’Adriese a passare in vantaggio al 1’ con il proprio numero 9 Gioè, anche se da lì in avanti sarà l'Unione a rendersi più pericolosa, tanto da pareggiare dieci minuti dopo con Felici, autore di una bella percussione sulla sinistra culminata con un bel destro a giro insaccato a rete. Poche occasioni, poi, fino alla fine del primo tempo, quando l’Adriese si riporta avanti per 2-1 sempre con lo stesso marcatore.

La ripresa, complici diversi cambi (tra cui il neo arrivato Lombardi, schierato da esterno destro) vede una Triestina più intensa e soprattutto più cinica, perché passa solo un minuto prima che Ganz possa rimettere il punteggio in parità, mentre dopo altri tre giri di orologio è sempre l’ex Mantova ad assistere Adorante per il gol del 3-2. Il classe 2000 si ripete al 66’ siglando il quarto centro alabardato, con gli ospiti che accorciano al 73’ con Farinazzo per il 4-3 finale.

Bene ancora una volta Mastrantonio, autore di una manciata di interventi pregevoli, così come Felici, che oltre al gol ha messo in mostra più di altri le proprie qualità. Molto attivo Crimi nel dettare passaggi e movimenti, candidandosi come vero e proprio riferimento del centrocampo. Novanta minuti pieni per Adorante, autore anch’esso di una buona prova in attacco. Una Triestina ancora in versione “beta”, comunque, che come è normale avrà bisogno di ancora un po’ di tempo per emergere nella propria versione migliore. In questo senso, il probabile rinvio della prima giornata sarà un aiuto per le necessità di mister Bonatti.


Condividi sui tuoi social