Trieste, 28 Luglio 2021

Volley Club, il sogno sfuma. Portogruaro è in finale

25 Giugno 2021 Autore: Redazione

Non riesce l'impresa al Volley Club nella gara-2 di semifinale play-off di Serie C; la squadra di Stefini esce battuta da Portogruaro dopo una partita di alto livello in un palasport finalmente con il pubblico delle grandi occasioni.

Fin dalle prime battute si intuisce il motivo conduttore della serata: un duello continuo con scambi bellissimi e a tratti interminabili. Inizio pimpante per il Volley Club, capace di mettere in difficoltà in battuta le padrone di casa, le quali però rispondono con un’ottima correlazione muro/difesa e con una continuità di gioco caratterizzata da pochissimi errori, riuscendo a chiudere 25 a 22.

Nel secondo set le sartine dimostrano tutta la loro grinta e determinazione, con capitan Currò vero e assoluto trascinatore e la regista Visintin che attiva tutte le sue bocche di fuoco, con Cocco e Tremuli a ergersi da vere dominatrici a centro rete. Con un netto 18 a 25 le triestine riportano la gara in parità anche grazie agli innesti dalla panchina di Sancin e Gavagnin.

La terza frazione è ancora capovolgimento di fronte, con il Peressini che ritorna a spingere forte in battuta e difesa, riuscendo così a mettere in seria difficoltà le bianconere,  che non riescono a trovare il break decisivo. Finisce 25 a 19 e si va sul 2-1.

Gara terminata? Il pubblico di casa ci spera ma così non è. Il Volley club dimostra di avere sette vite e le “mule de Trieste” cambiano marcia sfoderando un set da manuale. Ottima le prestazione del libero Petri, che dà concretezza e sicurezza; Pauli martella da posto 2, Rescali esprime tutto il suo tasso tecnico;  Currò, Cocco, Tremuli e Visintin alzano ancora di più la loro prestazione e non c’è davvero storia. E’ 9 a 25 per il vero show del Volley Club.

Quinta e decisiva frazione che in caso di vittoria delle ospiti porterebbe al fatidico golden set, ma come da manuale, dopo una frazione stravinta il rischio della ricaduta è sempre in agguato. Con un paio di azioni lunghe e caparbie il Portogruaro crea quello strappo che l’Antica Sartoria, nonostante gli sforzi, non riesce a ricucire compromettendo il passaggio del turno e consentendo alle padrone di casa di imporsi 15-10 e di affrontare il Martignacco nella finale per la promozione.

“E’ inevitabile il rammarico perché la finale era sicuramente l’obiettivo stagionale e ci è sfuggita per un soffio, ma purtroppo ai play off sono gli episodi e le situazioni che fanno la differenza" commenta l’allenatore Andrea Stefini, evidenziando come "nel computo di questa partita e anche della somma delle 2 gare abbiamo messo a referto più punti nonostante abbiano vinto loro. Nei momenti cruciali e decisivi ci è mancato un guizzo e soprattutto concretezza in più, anche se il livello di gioco espresso è stato davvero alto e di un’altra categoria”. 


Condividi sui tuoi social