Trieste, 25 Luglio 2024

Semacchi: "Abbiamo fatto capire la qualità del nostro lavoro"

21 Maggio 2023 Autore: Alessandro Asta

A passi lunghi e ben distesi verso una stagione più tranquilla, dove poter programmare il lavoro a medio-lungo termine: è quello che si auspica Michele Semacchi, presidente di una Pallamano Trieste che ha archiviato senza troppi drammi la mancata promozione in serie A Gold e che, dopo mesi particolarmente difficili nel sistemare i conti societari, ora è chiamato assieme ai propri collaboratori a dare la solidità economica necessaria per far navigare l’handball cittadino in acque possibilmente calme.

Presidente, che annata sportiva vi siete messi alle spalle?
“Positiva senza alcun dubbio, pensando soprattutto ai tanti problemi che abbiamo affrontato quando ho preso in mano io la società nello scorso novembre. Pur con un organico rimaneggiato e con diversi infortuni, essere arrivati sino a dove siamo giunti era francamente insperabile. E credo che, sempre sottolineando l’attaccamento di tutti i nostri giocatori alla maglia biancorossa, abbiamo fatto capire sin da subito la qualità del lavoro svolto in ambito societario”.

Avete presentato anche domanda di eventuale ripescaggio in Gold: quante possibilità ci sono affinché ciò accada?
“Poche a dire il vero, ma era un atto dovuto pensando al risultato ottenuto sul campo. Penso che in un paio di settimane sapremo ufficialmente in che categoria giocheremo il prossimo anno: quasi sicuramente comunque sarà Silver e sarà una sfida tosta, visto che il girone unico nazionale e la presenza di giocatori stranieri è un qualcosa che fa assomigliare tanto questa serie alla Gold”.

In ambito di risanamento dei conti societari, quale è l’attuale stato dell’arte?
“Stiamo dipanando molte matasse a riguardo e voglio ringraziare pubblicamente tutte le persone che stanno ancora attendendo di essere soddisfatte per ciò che non è stato tuttora corrisposto. Rimane molto da fare a riguardo, ma l’intenzione è di riuscire a mettere a posto tutte le questioni ancora aperte: ci vorrà naturalmente ancora un po’ di tempo”.

(continua sul numero in formato pdf di Citysport.news di lunedì 22 maggio 2023)


Condividi sui tuoi social