Trieste, 29 Febbraio 2024

Cingoli... amari: in semifinale sfuma il sogno A Gold di Trieste

06 Maggio 2023 Autore: Alessandro Asta

Si spegne in semifinale il sogno della Pallamano Trieste di ritrovare la massima serie nazionale a un anno di distanza dalla rinuncia della A: il Macagi Cingoli, imbattuto da inizio stagione, colleziona la 30° vittoria di fila proprio contro i giuliani, sconfiggendoli per 25-20 e costringendo la formazione di Fredi Radojkovic ad accontentarsi della partecipazione alla prossima A Silver 2023/2024. I biancorossi escono comunque a testa altissima dalle Finals di Chieti, estremamente penalizzati dalle precarie condizioni fisiche di squadra patite durante tutta la kermesse in terra abruzzese.

Con Cingoli a cercare subito di fare il ritmo, nella prima parte di frazione iniziale Trieste insegue a stretto contatto i marchigiani: di fatto, tanti gli errori da una parte e dall’altra e gap risicatissimi a livello di punteggio. Il primo vantaggio biancorosso lo scrive Radojkovic sul 2-1, poi è un costante botta e risposta: Sandrin prima (3-3) e Urbaz poi (5-5) rispondono ai gol del Cingoli, Zoppetti è grande protagonista tra i pali a respingere le diverse occasioni create dagli avversari, che provano a dare un piccolo strappo con il +2 firmato Ciattaglia al 15’, vantaggio ben rintuzzato dai giuliani sull’asse Urbaz-Radojkovic (7-7). La musica non cambia nei minuti che seguono, con un altro pareggio che si materializza al 27’ grazie ancora a Radojkovic (10-10) e con il Cingoli a chiudere la prima metà di gara avanti solo di una rete sull’11-10.

Nella ripresa è sicuramente il Macagi ad avere maggiormente l’inerzia tra le mani rispetto ai giuliani: i marchigiani non scappano mai via, ma tengono abbastanza agevolmente sempre almeno un paio di reti di vantaggio, costringendo Trieste a una rincorsa costante. I giuliani comunque non mollano la presa, con i gol di Radojkovic e Scaramelli che a dieci minuti dal termine tengono aperti i giochi (19-17). Tante occasioni poi sciupate dagli alabardati non consentono un riavvicinamento in prossimità del 55’, il Cingoli ringrazia e vola sul momentaneo +3 prima della realizzazione ancora di Radojkovic (20-18). Lo strappo decisivo arriva qualche istante più tardi: Ciattaglia segna il rigore del 21-18, Somogyi colpisce in contropiede il massimo vantaggio di quattro gol a 3’ dalla fine. È Sandrin a tenere ancora in vita Trieste, è però ancora Ciattaglia a chiudere definitivamente i conti e a lanciare Cingoli in A Gold.

***

MACAGI CINGOLI 25
PALLAMANO TRIESTE 20


(p.t. 11-10)

A seguire i tabellini...

Credits ph. FIGH


Condividi sui tuoi social