Trieste, 29 Febbraio 2024

Tutto facile ad Orzinuovi: Trieste suona la "sesta"

03 Dicembre 2023 Autore: Alessandro Asta

Missione compiuta in terra lombarda: la cenerentola Agribertocchi riserva poca resistenza alla Pallacanestro Trieste e per i biancorossi è un gioco da ragazzi vincere la sesta partita di fila. Rispetto ai tanti grattacapi della gara d'andata, stavolta Orzinuovi non dà troppo filo da torcere ai giuliani di Jamion Christian (69-87) che domina dal primo all'ultimo minuto una partita sempre ben condotta, sia a livello di ritmo che di gioco profuso su ambo le metà campo.

Tanti errori al tiro nei primi minuti di partita su ambo le parti, con Orzinuovi che si mette praticamente subito a zona e riempie bene la propria area. Ruzzier dall’angolo regala il primo vantaggio esterno sul 4-5, ma Trieste concede anche un paio di rimbalzi offensivi di troppo e l’Agribertocchi va avanti con Basile sul 9-8. I biancorossi diventano però una macchina dalla lunga distanza, con cinque triple insaccate in binomio da Ruzzier e Brooks, volando prima sul +7 (14-21) e poi sul 15-25 con i quattro punti di fila di Vildera e una maggior propensione ad attaccare il ferro. Il massimo vantaggio di primo quarto arriva quasi allo scadere – firmato da Campogrande ancora da tre – e Trieste prova già a scappare sulla prima sirena (15-28).

Che i biancorossi siano in fiducia, lo si vede dai primi due attacchi del secondo periodo (due liberi di Reyes, poi tripla di Bossi): Orzinuovi è molle e la difesa ospite ha la meglio con qualche pallone rubato (schiacciata in contropiede di Vildera per il +18 sul 17-35). I giuliani controllano inerzia e ritmo, su lato Agribertocchi è Leonzio il più positivo a cercare di tenere in scia i suoi, c’è però ancora un ottimo Ruzzier (altre due bombe, già a quota 17 dopo 20 minuti) a tenere molto lontani i padroni di casa all’intervallo lungo: è con un confortante +20 che Trieste chiude la prima parte di match (30-50).

Lampo di orgoglio di Orzinuovi in avvio di terzo quarto: break di 9-3 (39-53) in un momento in cui i biancorossi spadellano parecchio in attacco. Ci vuole ancora una volta il tiro pesante – leggi, quello di Filloy – a rimettere Trieste sui binari giusti (43-58 al 17’, poi 45-64 firmato ancora dall’italo-argentino). E le venti lunghezze di gap si materializzano anche alla fine del penultimo periodo (48-68), dopo il +23 di Vildera con il gioco da tre punti. C’è in pratica solo da gestire tutto il prezioso vantaggio, con Reyes a salire sugli scudi e a tenere a debita distanza gli orciani, ormai con la bandiera bianca issata: Brooks e Vildera chiudono definitivamente i conti (59-83 a 4’ dalla fine), c'è praticamente solo da attendere la sirena finale. L'inseguimento alla Fortitudo capolista di girone può continuare.

***

AGRIBERTOCCHI ORZINUOVI 69
PALLACANESTRO TRIESTE 87

(15-28; 30-50; 48-68)

AGRIBERTOCCHI ORZINUOVI
*Basile 24 (8/18, 2/5), *Zugno 14 (3/5, 2/6), *Brown 13 (6/11, 0/1), *Leonzio 7 (0/3, 2/5), *Bertini 6 (3/6, 0/6), Gasparin 3 (0/1, 1/3), Zilli 2 (1/1, 0/1), Trapani (0/1 da tre), Frigerio, Bergo 0. All. Zanchi

PALLACANESTRO TRIESTE
*Ruzzier 17 (1/5, 5/6), Reyes *16 (4/9, 2/5), *Brooks 15 (0/2, 5/8), Vildera 15 (6/8), Filloy 10 (2/3, 2/6), Bossi 5 (1/2, 1/4), Francesco *Candussi 4 (2/5), Campogrande 3 (0/1, 1/6), Ferrero 2, *Deangeli. All.Christian

ARBITRI: Martellosio, Capurro e Giunta


Condividi sui tuoi social