Trieste, 29 Febbraio 2024

Dieci giornate per... riprendere colore: con la Luiss inizia la fase a orologio

09 Febbraio 2024 Autore: Alessandro Asta

Si va a caccia di una nuova identità, perché quella vecchia è stata definitivamente cancellata nelle ultime giornate di regular season. È facile dire che la fase a orologio che inizia sabato sera, con l’impegno casalingo contro la Luiss Roma (palla a due alle 20), deve necessariamente rappresentare per la Pallacanestro Trieste una sorta di nuovo inizio. Perché il provvisorio quinto posto nel girone rosso è roba che non fa accapponare la pelle, tanto più analizzando un ultimo periodo in cui l’involuzione offensiva e difensiva è evidente.

Se da una parte Trieste dovrà curarsi di un’avversaria che molto probabilmente se la giocherà sino alla fine per centrare un posto nei playoff (capitolini attualmente ottavi nel girone verde, occhio domani all’ex Cento Tyler Sabin), dall’altra per la formazione di Jamion Christian è solo questione di guardarsi allo specchio e capire definitivamente se le prossime dieci giornate permetteranno a un team in evidente crisi di riprendere il colore adatto per arrivare ai playoff con un passo diverso da quello attuale.

È stata la settimana dei “grandi” discorsi: da quello di Michael Arcieri in tv a far capire che il progetto estivo continua senza sussulti e cambiamenti, sino alle parole di Christian che chiede ai suoi giocatori di essere migliori del solito, soprattutto in difesa che funziona poco nelle ultime settimane. Lo sforzo, come dicono un po’ tutti i protagonisti, deve essere fatto dall’intero gruppo-squadra, con un allenatore messo logicamente sulla graticola da tutti che ora ha un’ultima, importante occasione a disposizione. Ovverosia, quella di ricomporre i cocci di un vaso caduto mille volte per terra e di ridare credibilità a questa squadra. Ce la farà davvero, da novello Don Chisciotte?


Condividi sui tuoi social