Trieste, 23 Maggio 2024

L'Edera sfiora le semifinali, la Tergeste saluta la Serie A

03 Maggio 2023 Autore: Francesco Bevilacqua

Campionato comune, destini diversi. L’hockey inline triestino saluta la stagione 2022/2023 con un sorriso a metà: da una parte c’è l’Edera di Roberto Florean, arrivata ad un passo dalle semifinali play off; dall’altra la Tergeste Tigers del presidente Mike Angeli che dopo un campionato in salita vissuto da matricola, ricomincerà dalla Serie B.

Filo conduttore di tutta la storia, è la mancanza di un impianto idoneo in cui allenarsi, che a detta di entrambi i club avrebbe penalizzato l’andamento dei due roster, costretti ai salti mortali pur di incastrare spazi e tempi degni della massima serie. Il Pala Foschiatti (in via Boegan) potrebbe essere la soluzione, blindata tuttavia dietro ai sigilli del Comune di Trieste che per ragioni di sicurezza ha centellinato gli accessi, consentendo l’apertura esclusivamente per alcuni allenamenti destinati all’Edera fino a circa la fine dell’anno.

EDERA Al termine di una regular season chiusa in sesta posizione, i rossoneri sono stati artefici di un’incoraggiante rimonta nel qualification round sfiorando il privé del master round. “Le difficoltà, se non ti schiantano, ti temprano – si legge nel comunicato degli ederini - E così i nostri ragazzi hanno fatto quadrato di fronte alle avversità e sono diventati gruppo, squadra, una squadra che ha disputato la seconda parte del campionato migliorandosi costantemente fino a sfiorare la perfezione nel qualification round, in cui è stata capace di conquistare 22 punti sui 24 a disposizione”.

TERGESTE TIGERS Più amaro il cammino dei biancorossi, alla prima stagione in Serie A, persa all’ultimo atto contro Monleale che ha avuto bisogno del doppio confronto nei play out per salvarsi condannando le tigri alla retrocessione.

“Lottare fino all’ultima giornata per rimanere in Serie A è stato il massimo risultato ottenibile sul campo ed è per questo che sono orgoglioso dei miei giocatori e del mio staff - il commento del presidente della Tergeste, Mike Angeli - Tuttavia, senza risorse, senza spazi adatti, godendo esclusivamente della generosità di qualche amico e soprattutto senza alcun tipo di supporto da parte delle istituzioni, non potevamo immaginarci un epilogo differente. Se noi lasciamo un campionato che speriamo di riabbracciare la prossima stagione, la città di Trieste oggi perde una delle poche presenze in una massima Serie: è il risultato dell’abbandono di atleti, organici e persino impianti. Ci prendiamo chiaramente la responsabilità di quanto deciso dal campo, lo facciamo a testa alta e consapevoli che nel silenzio e nell'inattività di chi amministra ed ha a cuore lo sport, non sarebbe stato possibile ottenere di più. Ci mettiamo la faccia, pronti a ripartire dalla Serie B, ma oggi non perdiamo solo noi”.

(foto pagina Facebook Edera Trieste)


Condividi sui tuoi social