Trieste, 05 Ottobre 2022

Il grido di allarme dei Tigers: "L' intera città si è dimenticata di noi"

07 Luglio 2022 Autore: Alessandro Asta

Dopo un campionato dominato e vinto e una conseguente promozione nella massima serie nazionale, ora la Tergeste Tigers di hockey inline lancia un grido di allarme nei confronti della città. Perché – per la società presieduta da Mike Angeli – continuare l’attività nell’immediato futuro presenta sicuramente più zone d’ombra che luci in fondo al tunnel.

Ci sentiamo abbandonati al nostro destino – spiega il numero uno biancorosso – principalmente sul discorso del campo, visto che a Trieste di impianti non ce ne sono. Di fatto possiamo utilizzare solo quello del Polet, dove andremo a giocare le partite di campionato e che ringraziamo molto per l’aiuto che ci ha dato e che ci continuerà a dare. L’altro campo a disposizione per gli allenamenti, quello di via Boegan, non è a norma e sembrerebbe sussistere attualmente una deroga unicamente per l’Edera, l’altra squadra di hockey inline anch’essa in serie A. Alla nostra richiesta di poterci allenare lì, il presidente però non ha voluto assumersi la responsabilità di aprire le porte al nostro sodalizio. La mancanza di un campo per noi è un grande problema” prosegue Angeli, “visto che tra gli obblighi del regolamento federale c’è anche quello di avere due settori giovanili da affiancare alla prima squadra. Come può una società crescere in queste condizioni, quando c’è un problema anche semplicemente ad allenarsi? Come possiamo far crescere i ragazzi del nostro vivaio o dare visibilità agli sponsor in questa maniera? Siamo partiti 13 anni fa da zero, rimboccandoci sempre le maniche e arrivando alla massima serie con un roster fatto quasi interamente da triestini. La sensazione è quella di essere stati dimenticati da un’intera città: sappiamo di essere uno sport minore, ma nell’ultimo periodo nonostante i successi non abbiamo ricevuto nemmeno un colpo di telefono per le giuste congratulazioni a questi ragazzi che hanno compiuto un’autentica impresa, in mezzo a tante difficoltà. Facciamo appello a tutti coloro che vogliono darci una mano tramite una sponsorizzazione” conclude Angeli, “che sarebbe davvero importante per la nostra attività e per dare continuità al lavoro fatto in tutti questi anni”.

Un’autentica spada di Damocle, dunque, per la Tergeste Tigers, prossima a iniziare la preparazione per la prossima serie A ma con parecchi interrogativi tutti ancora da sciogliere.


Condividi sui tuoi social