Trieste, 16 Aprile 2024

Miglior prestazione mondiale dell'anno per Emanuele Pangher

05 Giugno 2023 Autore: Redazione

Settimana ricca di impegni per la Trieste Atletica. L’appuntamento più prestigioso era il Meeting di San Vito al Tagliamento, che vedeva al via numerosi nomi di spicco in ambito italiano. Sugli 800 m uomini un terzetto gialloblù si è piazzato tra la tredicesima e la quindicesima posizione con Fabio Vicig, Giulio Romano e Cristian Starec che hanno chiuso rispettivamente in 1’54”83, 1’55”49 e 1’55”92. Due posizioni più indietro Davide Canetti in 1’57”51. Nei 5000 buon quarto posto per Federico Fragiacomo in 14’43”07. Prestazione non esaltante invece per Michele Brunetti sui 110 hs, un 14”85 interlocutorio che gli vale la terza posizione. Nei 400 m vittoria in un ottimo 47”81 per Paolo Messina che, nonostante corra con la maglia delle Fiamme Gialle, ha la Trieste Atletica come società civile. Quarto posto per l’altro gialloblù Marco Miceli in 48”74, nuovo primato personale di quasi mezzo secondo. Nel salto in lungo settimo Francesco Ruzza che non è andato oltre i 6.22 m. Nei 200 m buona prestazione per l’astro nascente Leo Omar Domenis, classe 2007, che ha corso in 22”33 per raggiungere la sesta posizione. Eccellente anche Emanuele Pangher (impegnato nelle gare FISPES) nel lancio del disco (categoria F13) in cui ha scagliato l’attrezzo a 41.44 m, nuovo record italiano che già gli apparteneva e miglior prestazione mondiale dell’anno, nonché minimo per i Campionati italiani Promesse (normodotati).

In casa Cus, invece, a San Vito al Tagliamento Anna Bionda finisce con 14’’04 nei 100 metri ostacoli: sorpresa in partenza dallo sparo, l’atleta termina con il quarto tempo nella sua batteria mentre Giulia Fanzella chiude con 14’’22. La stessa Fanzella, poi, si è misurata nei 200 metri: una gara corsa alle 23, sotto una pioggia battente, che ha visto l’atleta cussina migliorarsi con 26’’03. Nel salto in alto, si conferma Eleonora Viti saltando 1.62 mentre nel lancio del disco Gloria Ava fa registrare un altro 41.96 come misura.

Nel week-end è andato in scena anche il tradizionale meeting “Il cavallo scende in pista” al Grezar. Per la Trieste Atletica Tinej Sterni ha conquistato la vittoria nei 400 m in 50”01 lasciandosi alle spalle Davide Canetti, che ha chiuso terzo in 52”20 ed Enrico Moro, quarto in 52”57. Canetti ha gareggiato anche negli 800 m conquistando l’argento in 1’58”46, mentre quarto è arrivato un buon Tommaso Gerbec in 2’00”05. Nei 1500 è bastato un 4’05”69 a Daniele Torrico per portare a casa la prima posizione. Nella gara più veloce dei 100 metri ancora una prestazione solida per Leo Oumar Domenis che ha tagliato il traguardo in quinta posizione in 11”46. Subito dietro di lui Davide Giacomo e Lorenzo Sollecito (11”49 e 11”55). Nei 2000 siepi quarto posto per Giulio Fratnik con il crono di 6’30”91.

Per il Cus, da segnalare il 60’’42 di Girardi nei 400, il PB di Alice Masi (64’’81, sempre nei 400) e le due ragazzine, Giorgia Pase (7’50’’97) e Sara Razem (7’46’’44) che hanno conquistato il minimo per i Campionati Italiani nei 2.000 siepi.

Infine, fra gli universitari, a Verona risultato da segnalare nel Meeting Regionale è quello di Chiara Ruzzier, che nel salto triplo finisce con un buon 11.22.


Condividi sui tuoi social