Trieste, 07 Agosto 2022

Agonismo e divertimento all'Osmiza Trail di Samatorza

25 Luglio 2022 Autore: Maurizio Ciani

Venerdì scorso si è disputato l’Osmiza Trail, uno dei classici eventi estivi targati Evinrude denominati “Fucsia Fridays”, richiamando i colori sociali del sodalizio. Dopo il primo appuntamento, l’Evening Summer Trail del 1° luglio, nuovamente protagonisti Riccardo Sterni e Simon Strnad, quest’ultimo un po’ stanco - e forse pure appagato - dai recenti europei di corsa in montagna in cui ha conquistato ben due medaglie. A La Féclaz, in Francia vicino ad Albertville, lo sloveno dell’Aldo Moro Paluzza nel primo giorno di gare ha valutato male la concorrenza nella categoria SM55, essendo partiti assieme runner di varie fasce di età, quindi ha tagliato il traguardo della prova di “uphill” convinto di essere primo quando invece era secondo; all’indomani, forse trasformando positivamente il rammarico, invece ha dominato il trail di 40 km con 2300 metri di dislivello.

Tornando a tre giorni fa, non abbiamo parlato ancora del “terzo incomodo”. Il carnico Giuseppe Puntel, in forza alla Sportiamo, nonostante prima della partenza avesse tenuto le carte coperte, era evidentemente uno dei candidati alla vittoria. Verso metà dell’impegnativo percorso di 6.3 km, sulle pendici del monte San Leonardo, Strnad si ha perso contatto, in un tratto in ascesa; è invece nella discesa degli ultimi 2 km, quando si ritornava all’osmiza Doljak di Samatorza, che Puntel ha fatto la differenza andando a battere Sterni della Trieste Atletica. 28’34” il tempo del vincitore, rispettivamente con 23 e 34 secondi di vantaggio sui due inseguitori. Tra i 140 partecipanti, sotto i 30 minuti pure Matej Skerk della Bora Multisport e Tommaso Sinico della Fincantieri Monfalcone, che hanno timbrato i crono di 28’55” e 29’50”.

Nella prova in rosa la slovena Tina Malalan l’ha fatta da padrona, trionfando con il tempo di 36’15”. Primo meritato podio in carriera per Jenny Mattiello del Val Rosandra, che ha terminato la sua fatica in 37’34”. A seguire un trio del San Giacomo ovvero Annalisa Viviani (39’33”) e la mamma Manuela Ricciardi (42’24”) separate da Erica Centomo (41’06”). Nella graduatoria di società si è imposto di misura il Val Rosandra, su San Giacomo ed Evoluzione Nordic; in questa classifica si teneva conto solo degli iscritti alla corsa competitiva, però segnaliamo la presenza alla manifestazione di numerosi nordic walker del medesimo team. Spazio anche ai bambini, con un prologo di circa 400 metri che ha visto imporsi Matteo Micheli e Beatrice Ambrosi.

Nell’ambito delle premiazioni l’ormai classica parte goliardica, che in questo caso è stata rappresenta da un ballo tra coppie di varie società su un valzer suonato dal duo Federica & Paolo, che con violino e chitarra hanno allietato la serata. La vittoria è andata all’unica coppia “spaiata”, infatti ad Annalisa Muran della Trieste Trasporti mancava un partner nell’ambito della propria squadra, così ha danzato assieme al compagno di allenamenti Piero Zoppolato, appunto affermandosi in questo “contest”.


Condividi sui tuoi social